Mettere tutte le uova in un paniere sui social media

Uova in un cestino di social mediaImmagine: Francesco Moorthy


I social media sono più che un dato di fatto al giorno d’oggi; è diventato fondamentale per come funziona il mondo. Più di 3 miliardi di persone usano i social media ogni mese. Non lo era’molto tempo fa dovevi iniziare una guerra mondiale per attirare l’attenzione di così tante persone. Ora tutto ciò che serve è una connessione a Internet.

io’siamo stati informati in modo affidabile’re animali sociali, quindi’È naturale per noi immergerci in prima persona in questo nuovo spazio di comunicazione. Facebook ha ora oltre due miliardi di utenti attivi, Instagram ha un miliardo, Twitter 330 milioni. Quando essi’non vengono usati per organizzare le rivoluzioni, loro’spesso utilizzato come spazio in cui aziende e marchi possono raggiungere il proprio pubblico.

Le aziende hanno ragione a immergersi in questo mondo, ma devono stare attenti a non concentrarsi troppo su un canale. I social media sono un mondo instabile. I re oggi sono dimenticati domani e lì’s solo così tanto che possiamo controllare. La lotta per l’esposizione online è meglio combattuta su più fronti, con l’aiuto di una strategia olistica sui social media.

Alla mercé della circostanza

La cattura dei social media è’È un’opportunità storica per comunicare, ma puoi perdere la voce in qualsiasi momento. Da YouTube a Pinterest, in definitiva, siamo tutti ospiti di qualcun altro’piattaforma s. Tutto ciò che serve è un aggiornamento dell’algoritmo per rovinare il tuo sito’prestazione di s.

Ricorda FarmVille? Il gioco sostenuto da Zynga era in cima al mondo nel 2010 con oltre 80 milioni di utenti attivi al mese… su Facebook. Mentre Facebook spostava le sue priorità e limitava Zynga’s accesso ai suoi meccanismi interni, FarmVille precipitò – e Zynga’s i prezzi delle azioni con esso. io posso’dire che ho perso molto sonno a causa della scomparsa di FarmVille, ma i 520 dipendenti Zynga licenziati nel 2013 probabilmente lo hanno fatto.

O considera l’anno scorso’s YouTube ‘Adpocalypse’, dove le linee guida pubblicitarie rinnovate hanno lasciato i canali in calo rispetto alle entrate calano di oltre il 50%. La ricaduta continua un anno dopo, con molti canali principali che spostano la propria base della community su siti come Patreon per rimanere a galla.

O considera Facebook’Il recente allontanamento dalle notizie verso amici e parenti ha colpito duramente gli editori, con alcuni che hanno registrato un calo del 50% del traffico. Facebook ha dato una settimana’s avviso di questo cambiamento. Non c’è molto tempo per ruotare la strategia.

Questi sono esempi di massimo livello, ma le lezioni sono applicabili fino in fondo. Essere così dipendenti dai social media mette le persone al limite, con ogni cambiamento dell’algoritmo che spinge a un nuovo giro di mani. I social media e i siti Web di condivisione dei contenuti sono incredibili, ma l’eccessiva fiducia può metterti in un mondo di problemi.

Portami a casa

I canali dei social media spesso funzionano meglio in orbita attorno a un sito Web, un’opportunità per reindirizzare l’interesse per il tuo territorio. Invia gli utenti al tuo sito. La differenza tra seguire un account e seguire un sito è enorme.

I siti sono l’unico pezzo di terra su Internet che appartiene veramente a noi. In qualsiasi altro luogo siamo alla fine a discrezione degli altri. I canali di social media ti limitano alle loro regole, mentre un sito può essere qualsiasi cosa tu voglia che sia. Spetta quindi a te creare un sito degno di attenzione, che è un altro gioco con la palla, ma almeno lì’re impostazione delle regole.

La diversificazione è la chiave

Operare su più canali di social media no’Devo essere un lavoro ingrato. Può essere un’opportunità. Perché limitarti a una lingua quando ne potresti parlare cinque? Ogni rete ha le sue sottigliezze, le sue culture a cui contribuire.

Canali diversi sono opportunità per condividere diversi aspetti di un marchio. Reti diverse si prestano a diversi tipi di contenuti. Quando inizi a scomporre ciò che i diversi servizi sono specializzati, sembra sciocco non diversificare la tua presenza online:

  • Visual (Instagram, Pinterest)
  • Editoriale (LinkedIn, Medium, Flipboard)
  • Informativa (Facebook)
  • Notizie (Twitter)

Don’Non devo fare esattamente la stessa cosa su ogni account di social media. Gioca ai loro punti di forza. Instagram è un mezzo visivo, quindi usalo per condividere gli elementi visivi di ciò che fai. Piattaforme come LinkedIn e Medium rispondono alla copia intelligente, quindi utilizzale per condividere i post del tuo blog. È improbabile che gli utenti di Instagram si preoccupino dei tuoi saggi, né i lettori di Flipboard saranno interessati a come il tuo ufficio appare con una luce calda. Sintonizzati sulle lingue delle piattaforme.

Questo no’ovviamente valgono per tutti. Gli individui possono e dovrebbero fare quello che vogliono, le aziende e i marchi farebbero bene a seguire il loro passo. Puntare tutto sul successo di un punto vendita può raccogliere i suoi frutti, ma il rischio è molto più alto. Comunica ciò che fai in diversi ambiti a un pubblico diverso e il successo a lungo termine diventa molto più realistico

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map