Exchange Marketplace e il nuovo mondo degli acquisti online

Scambio di Shopify e acquisto di attività commerciali online


‘Acquisizioni aziendali’ di solito mi viene in mente visioni di sale del consiglio, stanze sul retro e molti avvocati. esso’s un mondo specializzato. O meglio, lo era. Internet ha democratizzato ogni genere di cose nella sua breve vita: conoscenza, notizie, arte, lo chiami. Negli ultimi anni pochi spazi sono cresciuti in modo aggressivo come la vendita al dettaglio online. Si prevede che le vendite globali di e-commerce supereranno i 3 trilioni di dollari l’anno prossimo.

Che ci crediate o no, questo non lo è’tutto fino ad artisti del calibro di Amazon e Alibaba (anche se stanno facendo il bagno). Piattaforme come Shopify hanno aperto la vendita al dettaglio online a chiunque. Oltre 500.000 aziende in 175 paesi sono alimentate da Shopify, la maggior parte con un forte spirito imprenditoriale.

Cosa succede quando si desidera incassare un negozio online di successo? Abbiamo incontrato Nicholas Montgomery, responsabile della crescita presso Exchange Marketplace, per parlare del prossimo passo nel commercio elettronico: acquistare e vendere le attività stesse.

Mercato Mercato

Exchange Marketplace fa parte di una classe di siti che mediano l’acquisto e la vendita di aziende online. Pensalo come un mercato di mercato, dove i negozi sono i prodotti di base. Di seguito sono riportati alcuni dei principali giocatori.

  • Exchange Marketplace
  • Flippa
  • Pinne Impero

Lo scambio è unico tra questi siti nel fatto che serve solo negozi Shopify. Invece di visitare un sito di terze parti, i proprietari dei negozi semplicemente inseriscono un elenco su Exchange. Come servizio Shopify, Exchange visualizza automaticamente le informazioni chiave come entrate e traffico. esso’s un negozio’vetrina del negozio.

Quando qualcuno esprime interesse per l’acquisto di un negozio, Exchange automatizza gran parte del processo di intermediazione, fornendo tempi strutturati e ampia documentazione per garantire a tutti il ​​miglior affare possibile. Ed esso’s veloce. Dei negozi venduti, la maggior parte vende in meno di un mese.

La piattaforma ha due funzioni chiave. Uno, centralizza il processo di acquisizione in modo che praticamente chiunque possa farlo. E due, rende possibile possedere imprese online a pieno titolo senza doverle costruire da zero.

Da quando è stato lanciato lo scorso anno, Exchange ha lavorato duramente, perfezionando i suoi processi. Siti come questo stanno calpestando un nuovo terreno. Come bilanciare la libertà di chiunque acquisti un’attività con la burocrazia necessaria per impedire alle persone di farsi male?

Trasparenza dall’alto verso il basso

La trasparenza è parte integrante di Exchange. La sua integrazione con Shopify significa che i potenziali acquirenti vedono esattamente gli stessi numeri che i venditori vedono. Il responsabile della crescita di Exchange, Nicholas Montgomery, non è estraneo al successo dell’e-commerce. Dice che un approccio trasparente è più salutare per tutti “stabilisce aspettative più realistiche per entrambe le parti.”

Questo non lo è’Per dire che tutto è all’aperto su Exchange, almeno non inizialmente. I margini di profitto, una parte abbastanza importante di qualsiasi attività commerciale, possono’essere verificato da Exchange. I venditori mettono quei numeri in se stessi. Alcuni dei venditori di informazioni chiave forniti dai venditori su Exchange sono:

  • Profitto medio / mese
  • Margine di profitto complessivo medio
  • Numero medio di vendite / mese

I venditori non possono modificare le entrate totali, né i dati sul traffico. Una volta che qualcuno esprime interesse ad acquistare un negozio, può informarsi sui numeri non indicati nel ‘vetrina.’ Lo scambio richiede molta trasparenza, ma i dettagli rimangono tra l’acquirente e il venditore.

Più che facilitatori

Ciò che spicca su Exchange è il suo interesse per il successo delle attività commerciali vendute. Piattaforme di terze parti don’Non è necessario che le transazioni lascino tutti soddisfatti. Quello’s tra acquirenti e venditori; qualcuno avrebbe dovuto essere più attento.

Lo scambio, nel frattempo, ha un interesse per le transazioni che vanno bene e negozi fiorenti. “La più grande differenza tra Exchange e altri mercati,” Dice Montgomery, “è Exchange è un prodotto di Shopify, quindi noi’non solo con te attraverso il processo di vendita dell’azienda.”

Il desiderio non è solo di vendere le imprese, ma di avere il maggior successo possibile. “Quello’s l’ethos principale che guida molte delle nostre decisioni sui prodotti e come lo gestiamo’s diverso da molti altri mercati.”

Questo senza dubbio è il motivo per cui Exchange incoraggia un ampio processo di consegna, in cui i venditori fungono da mentori per i loro successori fino a quando’sei pronto per andare da solo.

Un’estensione naturale per Shopify per gli imprenditori

La piattaforma Exchange è un ovvio passo successivo per l’e-commerce. Shopify’La base di utenti ha sempre avuto una forte serie imprenditoriale e Exchange offre sia l’inizio che la fine di un viaggio. Coloro che hanno lavorato duramente per avviare un’attività redditizia hanno modo di incassare e andarsene. Chi cerca di entrare in un mercato può farlo immediatamente acquistando siti comprovati.

In effetti, Montgomery considera Exchange come un passaggio naturale nel ciclo di vita di molti negozi online. Quello’s perché non c’è’è stata una grande spinta al marketing. “Quando sarà il momento giusto, Exchange sarà lì per te e ti supporterà su quel percorso.”

Tuttavia, pensa che Exchange sia uno strumento utile da avere sul tuo radar. “Una delle cose che incoraggio a fare le persone, anche se loro’non pensando direttamente alla vendita della loro attività domani, è installare l’app di Exchange sul loro negozio Shopify.” L’app esamina i numeri nel tuo negozio’s backend e li pesa rispetto ad altre fonti per suggerire un prezzo di valutazione. Buono a sapersi, anche allettante.

Dato il livello di integrazione e supporto, sarebbe strano per gli utenti di Shopify non tenere a mente Exchange.

Il cambiamento viene dagli utenti

Allo stesso modo, sarebbe negligente per Exchange non tenere a mente i propri utenti. Come piattaforma nascente in un territorio sconosciuto, feedback e suggerimenti sono di fondamentale importanza. L’innovazione va bene e bene, ma deve essere in sintonia con ciò che le persone vogliono e di cui hanno bisogno.

Come osserva Montgomery, “ogni volta che si’nella costruzione di un’azienda o di un imprenditore, hai queste visioni e idee su come le cose possono essere migliorate, ma alla fine’s parlando con i clienti che ottieni il feedback più credibile.”

Le piattaforme di e-commerce hanno aperto opportunità di business per centinaia di migliaia di imprenditori. L’avanzamento è fluido e veloce, ma deve avere successo dalla base utenti. Man mano che Exchange continua a svilupparsi, questo avanti e indietro sarà essenziale per il loro successo. Ed esso’è molto incoraggiato. “Adoriamo ricevere feedback da acquirenti e venditori o potenziali acquirenti e venditori,” dì Montgomery. “Sentiti libero di scriverci una e-mail, inviarci un messaggio sulla nostra pagina Facebook o utilizzare la chat dal vivo sul sito web.”

Affrontare l’e-commerce

Uno di scambio’s si concentra andando avanti sta mettendo una faccia sull’e-commerce. Il business online può spesso sembrare un labirinto di analisi, impersonale e basato sui dati. Queste cose sono importanti per il business moderno (anche essenziale), ma Montgomery vuole lasciare spazio alla personalità.

Lui dice, “In questo momento il progetto I’Sono molto entusiasta di ciò che sta dando una faccia a molte delle aziende che vendono in borsa.” Gli elenchi attualmente sottolineano le metriche, ma Montgomery no’voglio che qualcuno perda di vista il fatto che dietro ogni azienda ci sono le persone. “Ci sono storie di persone che hanno attraversato molte difficoltà per arrivare dove sono, loro’abbiamo avuto molto successo e vogliamo davvero comunicarlo.”

Questo non lo è’solo essere incoraggiato nelle inserzioni. Exchange lancerà presto una serie di interviste video in cui gli imprenditori condivideranno le storie dietro i loro negozi. “Perché hai iniziato questa attività? Come hai ottenuto la tua prima vendita? Perché hai raggiunto il punto in cui sei’vendi ora? esso’è davvero stimolante per ascoltare le risposte.”

In tal senso, sembra che Exchange, oltre ad essere un mercato, voglia servire come una sorta di hub della comunità per gli imprenditori. Un luogo in cui i percorsi si incrociano e le esperienze sono condivise a beneficio di tutti. “Penso che raccontare quelle storie e mettere un volto dietro il business renderà le persone molto più connesse,” Dice Montgomery.

Calma dopo la tempesta

esso’è rassicurante ascoltare quell’etica proveniente da una centrale elettrica come Shopify. L’e-commerce è cresciuto enormemente in un breve lasso di tempo e tale espansione tende ad essere legata più alla tecnologia che alle persone. Mentre la polvere si deposita e i pionieri diventano armeggi, si spera lì’s un po ‘più di spazio per il tocco umano.

Montgomery sembra pensarlo. Man mano che i clienti si abituano alle possibilità del commercio online, le aspettative diventano più ragionevoli. “Penso che se tu’Sei in grado di essere sincero e realistico riguardo ai tuoi problemi’affrontare le persone avrà molta simpatia per questo e capire. Quello’s quasi un vantaggio che le piccole imprese hanno iniziato, perché i clienti vogliono davvero supportare le persone dietro di loro.”

Ancora una volta vedi che giocare nei processi di consegna di Exchange, in cui essere un principiante non è nulla di cui vergognarsi. La volontà di imparare è l’unica vera barriera all’ingresso nel commercio online al giorno d’oggi. La trasparenza e la comunicazione offrono alle aziende le migliori possibilità di successo e gli errori le migliori possibilità di essere compresi. Come dice Montgomery, “Le aziende che hanno clienti abituali saranno sicuramente quelle trasparenti su come’in funzione.”

Il futuro

esso’saranno alcuni anni interessanti per Exchange. Man mano che altri negozi Shopify si affermano e sempre più imprenditori guardano al dettaglio online, i buoni mediatori saranno essenziali per tutti. “La nostra ambizione” dice Montgomery, “è aiutare gli imprenditori a vendere tutto. Già le persone sul sito vendono nomi di dominio, loro’rivendendo parti diverse di negozi di e-commerce e altre piattaforme.”

La fine del gioco? “Vogliamo davvero essere in grado di mettere le persone in una posizione in cui possano acquistare e vendere qualsiasi tipo di attività commerciale su quella piattaforma.” Bilanciare tale ambito con un focus umano sulla terra non è un compito da poco, ma puoi farlo’Non posso fare a meno di sentirlo’dovrà essere così. Exchange ha un’opportunità unica per modellare acquisizioni commerciali trasparenti e sostenibili online. Permettere’spero che lo afferrino con entrambe le mani.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me