Come vendere cibo online

Fornisci il tuo cibo in tutto il mondo con la nostra guida in 7 passaggi alla vendita di cibo online

Come vendere cibo online


esso’2020, e si stima che l’industria alimentare globale valga ben $ 12,24 trilioni di dollari. Sia esso’s unirti al tuo wine club locale per una serie mensile di campioni gratuiti o ottenere tutti gli ingredienti per quel perfetto pasto vegano inviato direttamente a casa tua, sembra che tutti’s in azione. Isn’È ora che tu abbia un pezzo di torta?

Bene, ora puoi!

Grazie a mercati globali e piattaforme di e-commerce, esso’è ora più facile che mai iniziare a vendere cibo online. La nostra guida ti guiderà attraverso tutto, dalle normative alimentari internazionali, alla scelta della piattaforma perfetta e alla commercializzazione dei tuoi prodotti.

Alla fine, hai vinto’Ho solo un’idea chiara di come vendere cibo online – tu’Sarò in grado di mettere quello che tu’ho imparato in pratica e crea il tuo negozio online personale.

Quindi, ora l’entrata è fuori strada, lascia’s scavare nel corso principale e scoprire come trasformare il tuo sogno in realtà.

1

Conosci la legge

La prima cosa da sapere sulla legislazione alimentare è che le normative variano a seconda di dove ti trovi’sei di. Le regole negli Stati Uniti sono diverse da quelle in Europa, ad esempio.

Se vivi negli Stati Uniti, tu’Dovrò seguire cosa’s noto come Cottage Food Laws. Ancora una volta, questi possono differire leggermente da stato a stato, ma noi’correrai attraverso alcuni degli elementi essenziali di te’Dovrai essere consapevole, ovunque tu’sei di.

Per ottenere l’approvazione legale, tu’Avremo bisogno di alcune cose:

  • Un’ispezione annuale della cucina condotta dal dipartimento della salute
  • Una liquidazione / permesso di divisione in zone dal dipartimento dell’agricoltura o della salute
  • Una licenza commerciale statale valida
  • La prova che il tuo negozio soddisfa le normative sanitarie per tutti gli spazi di conservazione degli alimenti, sia asciutti che freddi
  • Non sono ammessi animali in cucina o in casa’s una cucina di casa

Sia che tu decida di cucinare nella tua cucina di casa o in una cucina commerciale, tu’Avrai bisogno di familiarizzare con le normative locali’ci si aspetta che segua. Se decidi di vendere cibo online tramite un fornitore (anziché gestirlo da solo), tu’Dovremo ricercare la catena di approvvigionamento per assicurarti che i tuoi ingredienti siano conformi allo standard.

Indipendentemente dal tuo piano, sappi che le autorità federali, statali e locali sono qui per aiutarti! esso’s il loro compito di conoscere le leggi dentro e fuori, così loro’sei un’ottima risorsa da consultare. Jennifer Irvine del servizio di consegna pasti Balance Box spiega come la sua azienda ha sfruttato al meglio queste risorse:

“Quando ho iniziato, stavo lavorando dalla mia cucina di casa. Ma mentre il business è cresciuto, noi’mi sono trasferito in una cucina commerciale. Per quanto riguarda la questione legale, la prima cosa che abbiamo fatto è stata chiamare l’Ufficio di salute ambientale e invitarli a entrare e vederci, e consigliarci su ciò che dovevamo fare – ed erano brillanti.”

bilancia da cucinaBalance Box utilizza un team di nutrizionisti e chef per preparare un menu di cibi sani e personalizzati per la consegna.

Naturalmente, i requisiti che abbiamo’qui elencati sono i requisiti minimi necessari per gestire la tua attività alimentare. Noi’saremo qui tutto il giorno se avessimo elencato tutto, ma ti consigliamo di leggere correttamente il sito web delle leggi alimentari dei cottage per maggiori dettagli e di trovare informazioni sul tuo stato specifico.

Se vivi in ​​Europa, ci sono regole e regolamenti separati che devi rispettare. Per maggiori informazioni su questi, vai alla Commissione europea dei principi generali di diritto alimentare.

2

Trova la tua nicchia

Alcuni di voi potrebbero già vendere cibo di persona. Altri potrebbero semplicemente essere convinti di avere un’idea assassina. Ma se tu’sei ancora inchiodare la tua nicchia, permettici di aiutarti.

Un buon punto di partenza è la ricerca delle tendenze alimentari. La riduzione dei rifiuti è un argomento caldo al momento, quindi la pubblicità che cucini con frutta o verdura deforme potrebbe essere un buon punto di vista, ad esempio.

Successivamente, devi sapere dove ti siedi in un mercato affollato. Sei un marchio economico di tutti i giorni? O un lusso da gourmet? Il tuo focus è la salute pulita? O prelibatezze?

Tutto ciò giocherà nel modo in cui marchi e pubblicizzi te stesso. Tutto, dalla scelta di una tavolozza di colori dell’azienda alla comprensione del design del testo e del logo da utilizzare, dipende dal modo in cui vuoi che i tuoi prodotti vengano visti.

Successivamente, è necessario impostare un budget e alcune aspettative. Quanto puoi permetterti di spendere mensilmente? Stai pensando di vendere a livello locale, nazionale o mondiale? Dove vedi la tua attività tra tre o cinque anni?

Le risposte a queste domande ti aiuteranno a sapere quanti soldi investire in cose come il tuo negozio online, il marketing e gli ingredienti – che alla fine determinano i prezzi che addebiti ai clienti.

Infine, chiediti: cosa stai portando al tavolo? Per distinguerti, tu’Avrò bisogno di un USP (Unique Selling Point). Qui’s un esempio.

JK GourmetJK Gourmet ha trovato un mercato di nicchia che sta aiutando oltre un milione di americani.

JK Gourmet ha inchiodato la sua nicchia producendo prodotti senza cereali destinati a persone che hanno bisogno di aiuto nella gestione della colite ulcerosa, una condizione che colpisce 1,6 milioni di americani. Il capo dell’azienda Jodi ha dichiarato a Shopify:

“Noi’abbiamo scavato la nostra nicchia con prodotti senza cereali, il che ci garantisce’anche senza glutine. Rispondiamo anche alle esigenze della crescente comunità paleo, e poiché abbiamo sempre eliminato l’uso di zucchero raffinato e dolcificanti artificiali, abbiamo’facendo appello a un pubblico più vasto che mai.” 3

Fonte il tuo fornitore

Sia che tu cucini il tuo cibo o acquisti prodotti prefabbricati da vendere, tu’Dovrò trovare un fornitore. La cosa difficile è sapere quali sono credibili.

L’utilizzo di siti come Food Master può aiutarti a reperire fornitori specializzati negli ingredienti di cui hai bisogno. Una volta tu’ho redatto un elenco, tu’Vorrei controllare i certificati e posso anche chiedere riferimenti.

Questo è tutto molto comune, quindi don’non aver paura di chiedere a un fornitore le sue credenziali. Ricorda, tutto ciò che ti viene fornito rappresenterà direttamente la tua azienda. Se il fornitore dice che i suoi prodotti sono biologici, don’prendilo come vangelo, guarda dentro.

Suggerimento: Molte piccole imprese iniziano utilizzando Costco. esso’s un marchio affidabile, noto e un fornitore affidabile.

4

Crea il tuo marchio, packaging ed etichettatura

A questo punto, dovresti avere un’idea chiara di quale cibo vuoi vendere e come’stai per produrlo. voi’Avrò anche pensato al tuo marchio. Ora’s il tempo di mettere in pratica le tue decisioni.

Nome commerciale

Un nome commerciale dovrebbe essere tre cose: memorabile, pertinente, e facile da pronunciare.

Sicuro, ‘Maria’s cupcakes’ è pertinente e facile da pronunciare, ma si attaccherà nelle persone’menti di s?

Prova e diventa creativo. Pensa fuori dagli schemi e chiedi agli altri le loro opinioni. Se tu’stai pianificando di vendere a livello internazionale, tu’Vorrei anche assicurarmi che il nome non sia’t travisato o perso nella traduzione.

Colori del marchio

Un colore non è’solo un’ombra – vero’s un’emozione. I colori che scegli fanno sentire le persone in determinati modi. Puoi essere audace e stimolante, accaldato e appassionato, oppure cool e innovativo, attraverso i colori che decidi tu.

Quando si tratta di psicologia, le aziende alimentari tendono a scegliere colori vivaci. Essi’sei eccitante, chiaro e può incoraggiare gli acquisti d’impulso. Gialli, rossi e arance sono tutti associati al cibo indulgente, mentre i verdi e i blu esprimono in genere salute e vitalità.

Immagini del prodotto

Le immagini dei tuoi prodotti sono clienti’s il primo punto di contatto con il cibo – e le prime impressioni contano!

A meno che non ti piaccia come abile fotografo, noi’d consiglia di pagare per immagini di prodotti professionali. Questo può aiutarti a far saltare il tuo cibo fuori dalla tua pagina web e in un cliente’carrello di s.

Regolamenti di imballaggio

Questo è importante. Secondo la legge degli Stati Uniti, la confezione deve contenere le seguenti informazioni:

  • Un elenco completo di tutti gli ingredienti utilizzati nel prodotto
  • La quantità o la quantità all’interno del pacchetto
  • Il peso del prodotto
  • Il nome della tua azienda e qualsiasi fornitore che hai usato
  • ‘Usato da’ / ‘Da consumarsi preferibilmente entro’ date

Questo non dovrebbe essere solo su tutte le confezioni, ma anche nelle descrizioni dei prodotti online. esso’è anche utile includere anche informazioni nutrizionali, quindi le persone hanno un’idea dei benefici / preoccupazioni per la salute che derivano dal cibo.

5

Dai un prezzo ai tuoi prodotti

esso’s tutto molto bene creando un marchio interessante con un ottimo USP, dietro al quale si nascondono alcune prelibatezze, ma come dice il vecchio detto, ‘colloqui di soldi.’

Per quanto buoni siano i tuoi prodotti, devi comunque sapere come valutarli. Sottovalutare o sopravvalutare il cibo a lungo termine potrebbe vedere il tuo serbatoio aziendale. Quindi, come puoi calcolare il giusto prezzo??

Bene, Shopify ha una brillante guida passo-passo che ti aiuta a capire questo, che noi’Ti fornirò una breve panoramica di seguito.

Calcola i tuoi costi variabili

Prima di tutto, devi sapere quanto costa il tuo cibo per produrre e vendere. Elementi come il costo degli ingredienti, l’imballaggio e la spedizione devono essere presi in considerazione.

Se vendi zuppe, ad esempio, somma tutti i costi variabili coinvolti e scopri quanto’stai effettivamente pagando per cartone.

Crea un margine di profitto

Successivamente, devi sapere quanto di un profitto vuoi trasformare. Per fare ciò, pensa alla quantità di profitto che desideri generare (ad es. Profitto del 15%).

Una volta che hai in mente una percentuale, devi trasformarla in un decimale. Questo è fatto semplicemente dividendolo per 100 (ad esempio 15/100 = 0.15).

Ora hai una cifra per i costi variabili e un numero decimale che rappresenta il margine di profitto. Da qui, calcola quanto dovresti addebitare per prodotto. Questo può diventare un po ‘matematico, ma don’non preoccuparti, basta seguire Shopify’s equazione semplice, mostrata di seguito:

Prezzo target = (costo variabile per prodotto) / (1 – il margine di profitto desiderato come decimale)

Fattore di costi fissi

Altri costi da considerare sono cose come il noleggio di spazio per la preparazione di alimenti, attrezzature da cucina, affitto di stoccaggio, assicurazione, tasse di licenza e salari dei dipendenti. Tutti questi elementi devono essere presi in considerazione per garantire la tua attività in pareggio.

Suggerimento: Shopify’Il calcolatore del pareggio può aiutarti in questo.

Prova e modifica ove necessario

Potresti scoprire di aver colpito l’unghia sulla testa la prima volta. Le probabilità sono, tuttavia, tu’Dovremo testare i tuoi prezzi target e rivederli ogni mese circa. Potrebbe volerci un po ‘di tempo per avere ragione, ma una volta tu’hai trovato la tua posizione sul mercato, tu’Sarò sulla strada giusta.

6

Crea il tuo negozio online

esso’s nel momento in cui tu’stavo aspettando… tempo di attuare il tuo piano!

Esistono tre piani efficaci per vendere cibo da casa. Puoi approfittare di mercati online (pensa ad Amazon o Etsy), creane uno tuo sito web di e-commerce (con piattaforme come Shopify o BigCommerce) o vendere prodotti curati attraverso un fornitore.

Sotto, noi’Eseguirò le tre opzioni, valuterò i pro ei contro di ciascuna e spiegherò chi sono’più adatto a.

Vendere cibo online attraverso i mercati

Pro e contro

ProfessionistiContro
  • Vendere attraverso una piattaforma che attira un pubblico globale
  • Non è responsabile della gestione del proprio sito Web
  • Facile processo di installazione e automazione
  • Nessun controllo creativo su come vengono visualizzati i tuoi prodotti
  • Meno credibile di avere il tuo sito web
  • Amazon darà la priorità ai propri prodotti rispetto ai tuoi

I mercati online, come Amazon ed Etsy, sono siti Web di e-commerce consolidati in cui è possibile creare un account ed elencare i prodotti in vendita. I mercati online lo sono meglio per coloro che vogliono iniziare a vendere rapidamente, perché lì’s nessuna installazione o personalizzazione del sito web coinvolta. E da quando hai vinto’stai costruendo un sito da zero, hai vinto’Non devo preoccuparmi di indirizzare il traffico verso un mercato online: il pubblico sarà già lì.

Detto questo, se tu’sei interessato a vendere cibo da casa con un mercato online, tu’Dovremo competere con tutti gli altri venditori sulla piattaforma per attirare acquirenti’ Attenzione. Questo è più facile a dirsi che a farsi, soprattutto quando alcuni mercati promuovono determinati prodotti rispetto ad altri. voi’Dovremo anche essere disposti a sacrificare un po ‘di personalità quando si utilizza un mercato online. Se per te sono importanti il ​​branding e il talento, hai vinto’non voglio prendere questo percorso particolare.

Se decidi di andare per la comodità di un mercato online, tu’Venderò su un sito Web che’non sei il tuo – quindi tu’Dovrò studiare quel particolare sito web’s regolamenti. Naturalmente, questi regolamenti richiedono le basi che tu’Dovremo avere comunque coperto, come documentazione legale, licenze e imballaggio adeguato.

Ma ogni mercato ha anche i suoi standard specifici. Ad esempio, Amazon richiede i seguenti obiettivi prestazionali dai suoi venditori:

  • Avere un tasso di difetto dell’ordine inferiore all’1%
  • Avere un tasso di cancellazione pre-adempimento inferiore al 2,5%
  • Avere una tariffa di spedizione in ritardo inferiore al 4%

esso’s meglio per studiare ogni mercato online’s requisiti prima di scegliere la piattaforma giusta per la tua azienda.

Vendere cibo online tramite un sito web e-commerce Builder

Pro e contro

ProfessionistiContro
  • voi’hai il totale controllo del modo in cui i tuoi prodotti sono visti e visualizzati
  • Là’s aiuto e supporto disponibili per assistervi in ​​caso di problemi’stai avendo
  • Sembri più credibile, e così’è più facile da pubblicizzare
  • Devi attirare gli acquirenti sul tuo sito
  • voi’Avremo bisogno di dedicare un po ‘di tempo alla progettazione del tuo negozio online
  • voi’Sarò responsabile del mantenimento / aggiornamento del sito’layout di s

I costruttori di siti web di e-commerce, come Shopify e BigCommerce, ti consentono di creare il tuo negozio di e-commerce personale, senza competenze tecniche necessarie: devi semplicemente scegliere un modello di sito Web, personalizzarlo e iniziare a vendere. Se tu’vendendo prodotti da forno da casa o creando il mondo’s migliore piano pasto cheto, ci saranno tonnellate di modelli che si adattano al tuo stile.

modello di negozio di e-commerceIl famoso costruttore di e-commerce Wix semplifica la visualizzazione dell’aspetto del tuo negozio con ogni modello.

Questi strumenti sono progettati per i venditori di tutti i giorni che indossano’hanno tonnellate di tempo, denaro o competenze digitali. Costruttori di siti web e-commerce sono migliore per coloro che vogliono offrire agli acquirenti un’esperienza completa, da un sito Web meravigliosamente marchiato a una procedura di pagamento personalizzata, e chi lo indossa’non voglio occuparmi di regolamenti di terze parti.

Queste piattaforme ti aiutano a creare una casa personalizzata e personalizzata per i tuoi prodotti. La sfida dei costruttori di siti Web di e-commerce è in primo luogo l’attrazione degli acquirenti sul tuo sito, motivo per cui noi’ho scritto una guida per la promozione del sito Web per aiutare. E una volta che gli acquirenti iniziano a venire, hai vinto’Non devi competere con altri venditori come faresti con un mercato online.

Se decidi di utilizzare un costruttore di siti web di e-commerce, tu’Non mancheranno le opzioni tra cui scegliere. Per ulteriori informazioni, puoi consultare la nostra classifica delle migliori piattaforme di e-commerce o dare un’occhiata a questo breve riepilogo dei tre principali fornitori:

Quando si tratta di pagamenti e spedizioni, ogni piattaforma utilizzerà diversi gateway di pagamento. Tendono tutti a usare quelli più grandi, però: pensa a PayPal, Apple Pay, Stripe e Square. Shopify ha persino un proprio gateway di pagamento.

Una volta tu’ho selezionato i metodi di pagamento che desideri accettare, puoi affrontare la spedizione. Ancora una volta, queste piattaforme hanno impostato corrieri che puoi usare: FedEx, DHL ecc’Tuttavia, dovrò esaminare quali corrieri possono spedire prima gli alimenti, dato che la FDA (Food and Drug Agency) ha fissato norme su cose come la velocità e la temperatura.

Vendere cibo online attraverso i fornitori

Pro e contro

ProfessionistiContro
  • Hai vinto’devo gestire da solo un vasto inventario di prodotti alimentari (potenzialmente deperibili)
  • Hai vinto’non devo fare l’imballaggio e la spedizione da soli
  • Devi comunque essere all’altezza di eventuali reclami dei clienti, anche se tu’non sei fisicamente responsabile del processo, quindi tu’Dovremo scegliere attentamente i tuoi fornitori!
  • Perché questo è un modo conveniente per iniziare a vendere, lì’s molta concorrenza là fuori

Vendere cibo online tramite un fornitore significa che tu, il rivenditore, don’non è necessario conservare o maneggiare alcun prodotto alimentare reale. Invece tu’Utilizzerò un marketplace online o un costruttore di siti Web di e-commerce per creare uno spazio in cui tu’Prenderò ordini e comunicherò con i clienti. Allora lei’Avviseremo i tuoi fornitori di ogni nuovo ordine e i fornitori spediranno i prodotti a ciascun cliente. Essenzialmente, tu’stai gestendo lo spettacolo, senza sporcarti le mani. Un’altra parola per questo modello è scaricare la consegna.

Avvio di un business dropshipping è migliore per coloro che desiderano un modo a basso rischio per provare a vendere cibo online. Il dropshipping attraverso un fornitore significa che hai vinto’Non devo preoccuparmi di mantenere fresco l’inventario, il che è una delle maggiori preoccupazioni per chiunque venda prodotti nella propria cucina di casa o in una cucina commerciale.

Questo modello di fornitore ti consente di dedicare più tempo al marchio, alla personalizzazione e al servizio clienti. esso’È importante notare che il servizio clienti è particolarmente importante con dropshipping, dal momento che tu’stai usando fornitori di terze parti come intermediario per te e i tuoi clienti’Voglio assicurarti’sono sempre disponibili come punto di comunicazione e chiarimento.

7

Commercializza i tuoi prodotti

Costruire una relazione con i tuoi clienti è uno dei pilastri del successo dell’e-commerce. Il marketing è un modo fantastico non solo di far conoscere i tuoi prodotti, ma anche di costruire un rapporto con gli acquirenti e farli sentire come loro’fai parte della tua attività’ visione.

Esistono molti modi per pubblicare il tuo messaggio – troppi per una sezione di un articolo, comunque – quindi noi’ti concentrerai su alcune delle cose più importanti che puoi fare.

SEO

SEO (Search Engine Optimization) è il processo per far apparire il tuo sito sui motori di ricerca, come Google e Bing. Google ha attualmente oltre 200 modi per decidere la posizione dei siti web nei risultati di ricerca, ma qui ci sono alcuni punti chiave da tenere presente:

  • parole – È necessario assicurarsi che il contenuto dei prodotti sia correlato a ciò che si’vendendo. Se tu’sei una compagnia di bagel con sede a Manhattan, tu’vorrete frasi come ‘Bagel di New York’ nelle descrizioni dei prodotti così’s facile per Google dire di cosa tratta la tua pagina web.
  • Metadati – Questo è il testo che appare nei risultati della ricerca. Deve avere una lunghezza ottimale, includere parole chiave e invogliare il lettore a fare clic sul collegamento.
  • backlinking – Un modo per mostrare a Google il tuo cibo è popolare e rispettato. Altri siti Web che si collegano al tuo sono considerati molto, in qualche modo come una raccomandazione.
  • Reattività mobile – Una cosa che i motori di ricerca odiano sono i siti che non donano’t funziona correttamente su dispositivi mobili e tablet. Fortunatamente, tutte le piattaforme di e-commerce che abbiamo elencato sopra sono automaticamente completamente responsive sui dispositivi mobili, quindi’non è qualcosa di cui devi preoccuparti.

Social media

Avere un forte seguito sociale non fa che aumentare la tua azienda’credibilità. esso’è anche un modo per interagire con i tuoi clienti e dare loro un punto di contatto. Se includi i pulsanti di condivisione social sul tuo sito Web (cosa che puoi fare con una qualsiasi delle nostre piattaforme consigliate), gli acquirenti possono anche condividere il tuo cibo con i loro follower:’s pubblicità letteralmente gratuita!

Shopify e BigCommerce fanno un ulteriore passo avanti, permettendoti di vendere direttamente sui social media e sui mercati. Sia esso’s Facebook o Instagram, Amazon o Etsy, puoi utilizzare il tuo sito Web come hub mentre attiri anche su altri mercati online.

Marketing via email

I costruttori di siti Web di e-commerce hanno il proprio e-mail marketing integrato. Puoi compilare modelli di e-mail pre-progettati con le tue ultime offerte e offerte, prima di inviarli a tutti i tuoi abbonati.

Sia esso’s gustosi e gratuiti campioni di fragole o acquistane uno prendi uno gratis su ciambelle, l’email marketing è un modo infallibile per stimolare un cliente’s interesse e farli tornare al tuo negozio.

Vendita ai mercati / festival alimentari

Con tutti questi fantastici modi online per commercializzare la tua attività, è così’è facile dimenticare un buon passaparola vecchio stile. Esci e pubblicizza il tuo cibo di persona nei mercati e nei festival locali. Dopotutto, il modo migliore per pubblicizzare il tuo cibo è quello di far assaggiare gli altri, giusto?

I mercati e i festival alimentari offrono anche una grande opportunità per testare nuovi prodotti e sapori. Se tu’ti stai chiedendo se valga la pena lanciare una nuova idea di prodotto’s non è un posto migliore di un festival per raccogliere quante più opinioni imparziali possibili. Puoi offrire campioni gratuiti della tua ultima creazione e persino chiedere ai visitatori di valutare ciò che pensano’ho provato su una scala da 1 a 5. La ricerca di mercato non è mai stata così deliziosa!

L’industria alimentare è in forte espansione come mai prima d’ora. Là’È sempre un motivo per rimandare online, ma se il cibo è al centro della tua attività, allora lì’s nessun tempo come il presente.

Seguendo la nostra guida completa in sette passaggi alla vendita di alimenti online, tu’Sarò in grado di trasformare il tuo sogno in realtà. Per ricapitolare, ecco di nuovo quei sette passaggi.

7 passaggi per vendere cibo online

  1. Conosci la legge
  2. Trova la tua nicchia
  3. Fonte il tuo fornitore
  4. Crea il tuo marchio, packaging ed etichettatura
  5. Dai un prezzo ai tuoi prodotti
  6. Crea il tuo negozio online
  7. Commercializza i tuoi prodotti

Questi passaggi non sono solo gli ingredienti per mettere online la tua azienda alimentare, ma anche la tua ricetta per il successo.

A differenza di molti di voi, abbiamo vinto’Per mantenerlo, dovrai investire tempo per rendere il tuo business online attivo e funzionante. Proprio come montare un soufflé, puoi’Ti faccio solo strada: la prova sarà sempre nel budino.

Segui i nostri passi, adotta un approccio misurato e osserva la tua attività alimentare online prendere vita. Fidati di noi, poche cose avranno un sapore più dolce.

Come vendere cibo online: domande frequenti

Ho bisogno di una licenza per vendere cibo fatto in casa?

A meno che tu’per quanto riguarda la cottura di torte per la raccolta fondi di beneficenza dell’ufficio, la risposta è sì. La vendita commerciale di qualsiasi alimento fatto in casa richiederà una licenza commerciale statale valida. Per ottenerne uno, tu’Dovrà passare un’ispezione sanitaria soddisfacendo gli standard di regolamentazione sanitaria locali.

Quanto costa una licenza commerciale?

Molte cose influiscono sul valore di una licenza commerciale, con fattori come l’ubicazione e il numero di dipendenti che incidono sul costo complessivo. In generale, questo può essere compreso tra $ 25 e $ 7.000. La maggior parte delle startup alimentari o delle piccole imprese, tuttavia, pagherà tra $ 50 e $ 200.

Qual è il vantaggio di avere il tuo sito web alimentare?

Innanzitutto tu’sei in totale controllo dell’esposizione e della pubblicità del tuo cibo. L’uso dei costruttori di siti Web di e-commerce può anche essere di enorme beneficio in quanto rende la creazione di siti Web accessibile a chiunque. Puoi persino vendere su diversi canali, come mercati e social media.

Quanto costano i costruttori di siti Web di e-commerce?

Tutti i costruttori di siti Web di e-commerce offriranno una varietà di piani tariffari diversi. Questi vanno da preventivi totalmente gratuiti a preventivi su misura. Le piccole imprese alimentari possono aspettarsi di pagare un canone mensile di circa $ 20 a $ 80. Questo riguarda il design, l’hosting e la sicurezza del tuo sito Web, oltre a molti altri.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map